Tutti i tracciati della pareteDivine Providence

Rossa: Walter Bonatti e Cosimo Zappelli (dal 22 al 23 Giugno 1962). Difficoltà: ED- Lunghezza: 750 m. Fino alla cima del M. Bianco: 1350 m.
Verde: Walter Cecchinel e Georges Nominé (dal 16 al 17 Settembre 1971). Difficoltà: V/V+/ED Lunghezza: 750 m. Fino alla cima del M. Bianco: 1350 m.
Gialla: Via Divine Providence. Patrick Gabarrou e Francois Marsigny (dal 5 all’8 Luglio 1984). Lunghezza: 900 m. 1500 m fino alla cima del M. Bianco. Difficoltà: EX, 7a obbl.
Azzurra: Via Faux pas, Jan Fijackowski e Jaclk Kozaczkiewicz (dal 6 al 10 Agosto 1983). Difficoltà: IV+/A1/ED- Lunghezza: 900 m. Fino alla cima del M. Bianco: 1500 m.
Rosa: Walter Bonatti e Toni Gobbi (dal 1 al 3 Agosto 1957). Difficoltà: V+/A1/ED- Lunghezza: 900 m. Fino alla cima del M. Bianco: 1600 m.
Bianca: Via diretta Cecoslovacca, Rudolf Haiducik, Jaroslav Jasko e Ondrej Pochyly (dal 19 al 22 Luglio 1984). Difficoltà: VI+/A2/EX- Lunghezza: 900 m. Fino alla cima del M. Bianco:1600 m
Nera: Via Polacca, Eugeniusz Chroback, Tadeusz Laukajtys and Andrey Mroz (dal 19 al 22 Luglio 1984). Difficoltà: VI+/A2/A3/EX- Lunghezza: 800 m. Fino alla cima del M. Bianco: 1400 m.
Blu: Walter Bonatti e Cosimo Zappelli (dal 11 al 12 Ottobre 1963). Difficoltà: V+/TD+ Lunghezza: 600 m. Fino alla cima del M. Bianco: 1050 m. Qui puoi scaricare la relazione completa.

Divine Providence Relazione


Cerro Torre Parete Ovest

“Non dovremmo negare che l’essere nomadi ci ha sempre riempiti di gioia… E la strada ha sempre portato ad Ovest.” W. Stegner

Dicono che la calma sia la virtù dei forti. Ebbene questo viaggio ne è stato la dimostrazione. Il Cerro Torre, la montagna più affascinante della terra, si concede solamente nei nostri ultimi 4 giorni a disposizione.

Cerro Torre Racconto

 

 

La “MIA” Patagonia.

Un viaggio che racconta la Patagonia attraverso gli occhi della nostra Guida Alpina Marco Majori.

Ecco a voi la storia